White house

  • whitehouse-22
  • whitehouse-1
  • whitehouse-40
  • whitehouse-39
  • whitehouse-4
  • whitehouse-17
  • whitehouse-43
  • whitehouse-38
  • whitehouse-35
  • whitehouse-26
  • whitehouse-44
  • whitehouse-32
  • whitehouse-27
  • whitehouse-47
  • whitehouse-49
  • whitehouse-50
  • whitehouse creative cables-2

Dettagli Progetto

  • Localizzazione: Roma, Prati
  • Tipologia: Residenza
  • Servizio Svolto: Progettazione, Direzione Lavori, Design di mobili
  • Dimensione: 160 mq
  • Materiali: Parquet, cornici, falegnameria su misura, specchi
  • Budget: Medio

White house è un grande appartamento di un bel palazzo di inizio ‘900 i cui tratti distintivi sono i pavimenti in cementine ed i soffitti decorati a stucco.

La ristrutturazione nasce dall’esigenza di adeguare l’appartamento ad uno stile di vita più dinamico oltre che a ricavare degli spazi autonomi per tutta la famiglia. L’eliminazione del grande corridoio ha permesso di ricavare una stanza in più e due bagni di dimensioni adeguate. La grande cucina è il nuovo fulcro della casa divenendo il luogo di incontro di tutti gli ambienti. Il salone è stato raddoppiato inglobando il vecchio studio e gli stucchi a soffitto sono stati restaurati e completati seguendo il disegno originale.

I tratti distintivi storici dell’appartamento sono stati mantenuti esaltandone le caratteristiche. Nei pavimenti sono state mantenute le cementine d’epoca facendole diventare dei tappeti preziosi incorniciati dal nuovo parquet grigio tortora.

I pavimenti scuri e colorati fanno da contrasto alle pareti bianche, decorate con cornici a grandi campi che portano lo sguardo verso i soffitti riccamente decorati con stucchi e rosoni dell’epoca.

I mobili su misura (il biocamino ed il mobile TV) rispecchiano l’approccio minimalista dell’intervento, finalizzato a far parlare gli oggetti d’arte presenti, dal tavolino realizzato con una porta siriana, ai quadri e agli oggetti di design.

La grande cucina posizionata al centro della casa diventa il nodo di scambio fra la zona giorno e la zona notte. Qui la parete in specchio amplifica ancora di più la dimensione della cucina i cui colori richiamano le sfumature del parquet.

Nel bagno l’approccio è stato mirato alla sensorialità tattile dei materiali, che fanno vibrare le pareti. La grande doccia, con il soffione a pioggia incassato nel controsoffitto, è incorniciata da un mosaico di pietre a taglio esagonale che, attraverso il soffitto ribassato, la mette in relazione con lo specchio del lavabo.

Elementi di arredo:

 

Guarda i PRIMA e DOPO  di White house

TORNA INDIETRO